Sull’asse Modena-Venezia nasce la robotica innovativa italiana selezionata tra i progetti d’eccellenza dell’Unione Europea

Dalla partneship siglata tra l’azienda meccatronica veneta Automationware e l’innovation hub modenese Crit nasce il progetto HyFlexyBot: la soluzione integrata che migliorerà ed efficienterà la produzione e la logistica dell’industria alimentare. Il progetto HyFlexyBot si piazza nella top ten del programma comunitario Agrobofood-Horizon2020 e sarà finanziato con 300mila euro.

 

Modena, 18 Maggio 2021 – La robotica innovativa italiana, sviluppata sull’asse Modena-Venezia, si aggiudica un nuovo importante riconoscimento da parte dell’Unione Europea: dalla partnership siglata tra l’azienda meccatronica veneta AutomationWare S.r.l. e l’innovation hub modenese CRIT S.r.l. è nato il progetto HyFlexyBot, la soluzione integrata (un braccio robotico modulare abbinato ad un robot mobile autonomo) che permetterà di migliorare ed efficientare l’attività produttiva e logistica dell’industria alimentare. Per i suoi contenuti altamente innovativi il progetto HyFlexyBot è stato inserito tra i migliori 10 progetti del programma comunitario Agrobofood-Horizon2020, aggiudicandosi così un finanziamento pari a 300mila euro.

 

Un requisito essenziale per l’industria alimentare è garantire l’assoluta sicurezza e l’assenza di contaminazione dei prodotti in ogni fase lavorativa (produzione, trasformazione, confezionamento, immagazzinaggio e trasporto), priorità che in riferimento alla pandemia da Covid-19 assume un ruolo ancor più strategico. Il progetto HyFlexyBot punta proprio a realizzare una produzione e pallettizzazione completamente prive di agenti contaminanti: l’automazione avanzata può infatti svolgere un ruolo fondamentale nel garantire la qualità e la sicurezza dei prodotti alimentari, superando le problematiche connesse all’intervento di operatori umani negli aspetti logistici, in termini di prelievo, confezionamento e pallettizzazione dei prodotti. Una sfida che riguarda anche altri settori industriali quali, ad esempio, quello farmaceutico.

 

Il progetto HyFlexyBot darà una risposta integrata a questo problema, combinando sinergicamente tre differenti elementi tecnologici: un braccio robotico modulare, composto da giunti robotici certificati e dalla sicurezza intrinseca, ottimizzati per la manipolazione di scatole e la pallettizzazione con rilevamento integrato della forza applicata; un robot mobile autonomo (AMR), capace di sollevare e trasportare carichi fino a 800 kg dotato di una piattaforma di controllo e di un sistema di visione innovativi basati su Intelligenza Artificiale;  un sistema operativo robotico (ROS) che integrerà tutte le funzionalità richieste (cognizione, percezione, pianificazione del movimento, controllo e gestione), basato su strumenti open source. Dall’unione di questi elementi nascerà un innovativo modello di Autonomous Mobile Manipulation Robot (AMMR – Robot di manipolazione autonomo e mobile).

 

“Le soluzioni robotiche attualmente disponibili non sono adatte a soddisfare le esigenze specifiche dell’industria alimentare, a causa degli alti costi realizzativi e di performance inadeguate in termini di efficienza e sicurezza” sottolinea Fabio Rossi, CEO di AutomationWare. “HyFlexyBot costituirà quindi una risposta fortemente modulare, flessibile e completamente integrata basata su un sistema robotico collaborativo, in grado di realizzare con efficacia un processo alimentare con produzione e pallettizzazione non contaminante”.

 

“I vantaggi che il progetto HyFlexyBot potrà garantire alle aziende alimentari – dichiara Marco Baracchi, General Manager di CRIT Srl- sono la garanzia di igiene e la sicurezza intrinseca (grazie ad una nuova generazione di giunture robotiche certificate); un’elevata efficienza e flessibilità di utilizzo, grazie alla facilità di riconfigurazione del braccio robotico modulare e del sistema ROS sviluppati da Automationware; il risparmio energetico, grazie al funzionamento a batteria; l’ottimizzazione della forza lavoro e la sinergia con l’operatore, grazie all’automazione di fasi specifiche del processo logistico ed alla riduzione delle attività gravose”.

 

Gli utenti finali saranno quindi in grado di migliorare le fasi di produzione di fine linea, garantendo qualità e sicurezza dei prodotti alimentari, preservandone l’igiene, evitandone la contaminazione incrociata da altri prodotti e processi e prevenendo le contaminazioni che possono essere facilmente trasferite agli alimenti dagli operatori. Il progetto HyFleyBot avrà anche una valenza in ottica di Social Responsability (Responsabilità Sociale di Impresa), infatti tra le attività che verranno sviluppate da CRIT Srl vi sarà anche una ricerca sull’impatto della soluzione robotica sugli addetti e sull’ambiente lavorativo: quale percezione avranno i lavoratori dell’arrivo in azienda di un nuovo collega metallico? Quale futuro vedono per la loro professione? E quale impatto ambientale ha questa soluzione sull’intero ciclo produttivo? Tutti questi aspetti saranno oggetto di analisi e raccolta di proposte e richieste, realizzate direttamente presso i dipendenti dell’azienda selezionata per ospitare il prototipo per i test e la validazione in ambiente industriale.

 

Il progetto HyFlexyBot, attualmente in fase di sperimentazione avanzata in laboratorio, vedrà come prossimo step la fase di test sul campo in ambiente industriale grazie ad alcuni partner industriali individuati da Automationware, che hanno espresso il loro interesse per lo sviluppo e l’implementazione di questa soluzione tecnologica innovativa. Una volta conclusa la fase di test e validazione, il risultato finale del progetto verrà immesso sul mercato.

CRIT è una società privata con sede a Vignola (MO) nata nel 2000, specializzata nella consulenza tecnico-scientifica ad alto livello: grazie ad uno staff composto da Ingegneri e laureati in materie tecniche, supporta le imprese nei processi di innovazione di processo e di prodotto, favorendo il trasferimento di conoscenze tecnologiche tra le aziende socie, tra le quali figurano i nomi principali dell’eccellenza tecnologica italiana (con particolare riferimento all’Emilia-Romagna) ed internazionale. Partendo dal confronto su temi di interesse condiviso, CRIT organizza scambi di best practices e benchmarking specifici da cui scaturiscono soluzioni tecniche, gestionali ed organizzative. I soci di CRIT sono esclusivamente aziende, molte delle quali leader mondiali nei rispettivi settori, tra cui: Alstom, Beghelli, Datalogic, Ferrari Spa, System Ceramics, Technogym, Sacmi e Tetra Pak. CRIT partecipa inoltre a importanti circuiti nazionali e internazionali dell’innovazione, tra cui EFFRA (European Factories of the Future Research Association), SPIRE (Sustainable Process Industry through Resource and Energy Efficiency) e la Rete Alta Tecnologia dell’Emilia-Romagna.

 

AutomationWare, azienda con sede a Martellago (VE), opera nel settore dell’automazione industriale da circa vent’anni offrendo soluzioni tecnologiche su misura per clienti dei settori packaging industriale, automazione medicale e pharma. AutomationWare è leader nella produzione di attuatori elettrici, inoltre si sta affermando nella meccatronica avanzata e nella robotica, proponendo soluzioni innovative nella logica smart Factory 4.0 che trovano applicazione, tra l’altro, negli impianti per la produzione di energia o estrazione di risorse energetiche e nei sistemi di automazione per le lavorazioni del metallo o della plastica. Gli investimenti in R&D, una squadra di giovani talenti in ingegneria meccanica e robotica ed una rete di distribuzione in EU, Asia, America fanno di AutomationWare una realtà “one step ahead on the future”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Dear Applicant Automationware

Congratulations!

We are pleased to inform you that, following the expert evaluation and summarizing the final results of the agROBOfood Open Call Industrial Challenges, your Project Proposal “HyFlexyBot Flexible Robot “has been selected for funding.

“The proposal was presented with sufficient details. From the technical point of view, a standard application for packaging/palletizing in food industry is proposed using a new cobot based on the top of a mobile unit and integrated on ROS. The main novelty of the proposal is the easy reconfiguration and the cobot itself since it is unique on the market (25kg payload for collaborative robots). The business analysis was sufficiently presented, and the analysis was convincing. The socio-economic aspects were addressed as well. The team is well established and have the necessary expertise.

The proposal describes an autonomous mobile palletization system to be applied in food processing industry with special attention on non-contamination of food. The background is overall well explained. Impact and benefit are comprehensible. The system may be of additional interest, due to the current COVID-19 situation. Problems in the meet processing industry are named. The concept of providing an autonomous mobile platform plus a sophisticated robot arm appears as a good way of working in low structured environment.

The European Union has decided to grant a financial contribution for the implementation of agROBOfood through the Horizon 2020 Programme.